AF NOVAGESTA
No Profit

Menu

logo assiflaminio novagesta

Le PMI italiane non si difendono dai danni indiretti

HomeBlogLe PMI italiane non si difendono dai danni indiretti
HomeBlogLe PMI italiane non si difendono dai danni indiretti

Le PMI italiane non si difendono dai danni indiretti

da Marco De Leo

La prevenzione in campo assicurativo continua ad essere il tallone d’Achille degli italiani, che ancora non hanno compreso le reali potenzialità del settore.

Specchio del Paese sono le PMI, che pur avendo subito perdite ingenti nel corso degli anni a causa di danni indiretti, non si tutelano attraverso coperture assicurative che eviterebbero l’erosione del loro patrimonio. Un comportamento non sempre dettato dalla sottovalutazione del pericolo, ma anche e soprattutto da una mancanza di cultura assicurativa legata alla prevenzione. Culturalmente siamo abituati ad intervenire solo dopo che l'emergenza si è verificata, e mai in chiave preventiva. I dati sulle PMI sono emblematici, infatti solo l’1,5% delle aziende italiane è assicurata per danni indiretti, a fronte di un 30% che ha subito danni gravi per i quali è stata necessari un’interruzione dell’attività.
Per danni indiretti si intendono le conseguenze di un danno materiale che si manifestano producendo altri effetti dannosi, non direttamente causati dall’evento, ma da esso derivanti. Si possono suddividere in “danni materiali” e “danni da interruzione di esercizio”. Nel primo caso si inquadrano i danni ai beni che sono consequenziali all’evento dannoso, nel secondo caso si stima la perdita economica che deriva dall’impossibilità a svolgere la normale attività a seguito dell’evento stesso.

Questi dati sono emersi dall'Osservatorio Assicurativo condotto dal Gruppo Nsa e dall’Università Cattolica di Milano sui danni che le imprese hanno subito per i danni materiali e l’interruzione dell’attività, ed in previsione dello sviluppo di un nuovo modello di rating che metterà in contatto le sfera assicurativa con quella finanziaria delle piccole e medie imprese italiane. 

24 03, 17
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.